Accessibility icon
17.11.2017

Invito alla presentazione della Strategia locale di sviluppo nella pesca e dei futuri concorsi del GAC “Batana istriana” a Rovigno

Il GAC Batana istriana, con lo scopo di informare la popolazione locale sui futuri concorsi e le possibilità di finanziare i progetti di temi legati al mare e alla pesca, invita tutti gli interessati giovedì 23 novembre 2017 alle ore 11,00 nella Casa di cultura (II piano) a Rovigno alla presentazione della Strategia locale di sviluppo nella pesca.

Nell’ambito del ciclo di due settimane, la presentazione si terrà in 10 città e comuni – del fondatore GAC Batana istriana, e sarà indirizzata ai futuri fruitori della Strategia locale di sviluppo nella pesca nel territorio del GAC Batana istriana – ai pescatori, alle istituzioni educativo-istruttive (scuole, asili, istituti d’educazione) alle organizzazioni della protezione civile (associazioni, cooperative, istituzioni), ai soggetti economici nel settore della pesca, del turismo e della ristorazione, al settore pubblico (UAL, CT, aziende comunali e altri) nonché a tutti gli altri cittadini con l’idea di unirsi per attuare i progetti legati al mare e alla pesca.

Attraverso i futuri concorsi con i mezzi a fondo perduto verranno finanziate le attività con temi legati al mare e/o alla pesca tra cui:

  • le educazioni per bambini e adulti (promozione del pesce nell’alimentazione, laboratori culinari, laboratori sull’uso del computer, educazioni sulla tutela dell’ambiente e altro),
  • i progetti creativi (concetti audio-visivi, creazione di souvenir e altro),
  • la creazione di siti internet e applicazioni,
  • la creazione di materiale promozionale e creativo,
  • l’organizzazione di manifestazioni e organizzazioni culturali,
  • il miglioramento dell’offerta turistica e sistemazione degli impianti e spazi dell’infrastruttura turistico – culturale e ricreativa,
  • la collaborazione con le istituzioni educative e di ricerca,
  • le azioni ecologiche di pulizia della terra, del mare e del costa,
  • la salvaguardia della biodiversità ,
  • la raccolta differenziata dei rifiuti e riciclaggio,
  • la fruizione delle fonti rinnovabili di energia,
  • lo sfruttamento dei sottoprodotti della pesca,
  • lo sviluppo di modi nuovi o innovati di vendere i prodotti della pesca e dell’acquacoltura,
  • l’utilizzo dei marchi e branding dei prodotti,
  • la diversificazione delle entrate dei pescatori attraverso lo sviluppo di attività complementari,
  • la creazione della rete dei pescatori e dei partecipanti dagli altri settori,
  • lo sviluppo di diverse forme di associazioni,
  • la sistemazione dei posti vendita e di altre piccole infrastrutture.