Accessibility icon
15.10.2019

A Rovigno la prima edizione dell’evento gourmet “Tradizione a tavola: viècie riciète da màr”

Rovigno e Orsera ospiteranno, dal 15 ottobre al 15 novembre, la prima edizione dell’evento gourmet “Tradizione a tavola: viècie riciète da màr”.

Questo evento unico si basa sui piatti tradizionali del libro “Ricette della Casa della Batana” e rappresenta un importante contributo all’impegno profuso per coinvolgere i giovani nei processi di tutela del patrimonio culturale immateriale e per condividere le conoscenze culinarie, coltivate all’interno delle famiglie locali, con le comunità di tutto il mondo attraverso il concetto di preparazione delle ricette tipiche rovignesi “Come le prepara il nonno” e “Come le prepara il nipote”.

Undici ristoranti locali, offriranno così menu di specialità “Come preparate dal nonno” e “Come preparate dal nipote”, pensati apposta per l’occasione ed incorporati in un libretto di ricette nel quale „nonno“ e „nipote“, ognuno a modo suo, hanno preparato una decina di ricette antiche e in parte dimenticate, creando così piatti a base di pesce pescato con le batane, tradizionali imbarcazioni rovignesi dal fondo piatto.

I visitatori potranno scegliere se vogliono assaggiare il menu del nonno o quello del nipote e una ricca selezione includerà, tra gli altri, brodo di pesce fresco, risotto al granchio, zuppa di branzino , fritto di pesce misto e contorni istriani con salsicce fatte in casa e prosciutto istriano. I piatti saranno accompagnati da un bicchiere di buon vino dei produttori locali.

I ristoranti partner dell’evento “Tradizione a tavola: viècie riciète da màr” (Orca, Jure, Maslina, Kantinon, Dream, Calisona, Rio, La Perla, Spacio Grota, Kod Luce i Dvi palme), offriranno i menu al prezzo promozionale di 150 kune a persona.
L’evento è organizzato dagli Enti turistici di Rovigno e di Orsera in collaborazione con la società turistico-alberghiera Maistra, con l’Associazione “Casa della Batana”, con l’Associazione rovignese degli imprenditori e con la Scuola di formazione professionale Eugen Kumičić.

Foto