Accessibility icon
26.03.2021

Sono stati presentati i risultati della ricerca sui bisogni culturali dei giovani

In organizzazione con l’associazione Faro 11, l’Agenzia culturale istriana e l’associazione Metamedij, oggi presso il Centro multimediale (MMC) si è tenuta la Presentazione pubblica dei risultati della ricerca “I bisogni culturali e il capitale culturale dei giovani e della popolazione generale in Istria: resoconto dei risultati della ricerca sociologica” (Kulturne potrebe i kulturni kapital mladih i šire populacije u Istri: izvještaj o rezultatima sociološkog istraživanja)” effettuata dal doc. dr. sc. Krešimir Krolo e dalla doc. dr. sc. Željka Tonković nell’ambito del progetto “Mi plus”.

Lo scopo della ricerca era determinare i modelli di bisogni culturali e di consumo culturale dei giovani e della popolazione adulta nella Regione Istriana. Al fine di creare programmi e contenuti di progetto più precisi in una cultura indipendente, si è voluto esaminare a quale tipo di contenuti i giovani vorrebbero partecipare nell’organizzazione di associazioni nella comunità locale. A tal fine, è stato creato un questionario di indagine che conteneva diverse scale e dimensioni specifiche necessarie per una mappatura accurata dei consumi culturali, del capitale culturale e delle preferenze. La raccolta dei dati è avvenuta durante l’inverno e la primavera del 2020 mentre il questionario del sondaggio è stato distribuito alle scuole medie superiori della Regione Istriana e, al fine di raggiungere una popolazione più ampia di adulti, attraverso i media locali e i social network. Alla fine, il questionario è stato completato da 644 intervistati.

Prima della presentazione dei risultati della ricerca da parte del dr. sc. Krešimir Krola, i presenti sono stati salutati dalla direttrice dell’Università popolare aperta della Città di Rovinj-Rovigno Dubravka Svetličić, dall’assessore alla Cultura e territorialità della Regione Istriana Vladimir Torbica e il sindaco Marko Paliaga.

Nel suo intervento, Paliaga ha sottolineato che la Città di Rovinj-Rovigno presta particolare attenzione alle esigenze dei giovani. «In questo mandato, ci siamo concentrati sullo sviluppo di quelle iniziative che aprono alle nostre nuove generazioni una serie di opportunità nei settori dell’istruzione, dell’imprenditorialità e dell’edilizia abitativa, e un maggiore coinvolgimento nella vita pubblica. Attraverso le nostre associazioni ed istituzioni, cerchiamo di adattare un’offerta di contenuti culturali di qualità e interessanti per i nostri giovani. In tal senso, i risultati di questa ricerca sociologica ci saranno estremamente utili, affinché tutte le nostre attività possano essere ulteriormente migliorate e adattate ai reali bisogni e interessi dei giovani».

I risultati di questo tipo di ricerca sono uno strumento estremamente utile per l’ideazione e l’organizzazione di programmi culturali ed educativi da parte di istituzioni ed associazioni della società civile e allo stesso tempo forniscono delle linee guida per lo sviluppo, la creazione e l’attuazione di strategie culturali a livello locale e regionale basate sui bisogni reali e sul capitale culturale dei giovani.

Hanno presentato le proprie esperienze anche la presidentessa del Consiglio dei giovani della Città di Rovinj-Rovigno Valentina Orbanić, il direttore della scuola di formazione professionale “Eugen Kumičić” Emil Nimčević, Tanja Ranić Rovis per conto dell’Associazione Faro 11, Marino Jurcan dell’associazione Metamedij, l’artista polesana Gaia Radić nonché la professoressa della Scuola media superiore “Zvane Črnja” Gordana Radetić Berić.