Accessibility icon
20.02.2020

Inaugurata la nuova ala della Casa di riposo «Domenico Pergolis»

Con il taglio del nastro da parte del vice presidente vicario, Fabrizio Radin, del sindaco di Rovigno Marko Paliaga e della direttrice dell’istituzione, Kristina Laginja, alla presenza di numerosi ospiti, è stata ufficialmente inaugurata la nuova ala della Casa di riposo «Domenico Pergolis».

Con il nuovo edfificio, la «Domenico Pergolis», ha aumentato la capacità ricettiva per nuovi 41 utenti, nonché per 24 utenti del Centro diurno. È il risultato di un progetto congiunto della Regione Istriana e della Città di Rovigno, del valore di oltre 32 milioni di kune.

«La novità principale di questo progetto, ha affermato la direttrice Kristina Laginja – è un settore dedicato per le persone con vari tipi di demenza, in particolare l’Alzheimer, come anche il Centro in cui ci prenderemmo cura degli anziani anche durante il giorno, mentre i loro cari sono al lavoro.

Questo è un grande giorno sia per la Regione che per la Città di Rovigno, ma anche per quest’istituzione e il suo personale che hanno scelto l’assistenza degli anziani come professione e vocazione, ed è un grande giorno anche per le persone in lista d’attesa, perché vivere la terza età è davvero una sfida non solo per il singolo e la sua famiglia, ma anche per l’intera comunità».

Ai presenti si è rivolto anche il sindaco Marko Paliaga, il quale ha ricordato che la Città di Rovinj-Rovigno, insieme alla Regione, nel 2017, ha avviato il progetto per migliorare le condizioni di lavoro e i servizi offerti dalla Casa di riposo.

«Non costruiamo strade che non conducono da nessuna parte, non gettiamo basi effimere, ma costruiamo asili, scuole e case per anziani», ha detto Paliaga. Sosteniamo centri sanitari, servizi medici di emergenza, vigili del fuoco, polizia e tribunali. Grazie alla reciproca collaborazione con la Regione abbiamo completato questo lodevole progetto e avviato una serie di investimenti futuri.

Credo che questa sia anche la prova che la politica può essere sinonimo di cura per il bene comune, e sono estremamente orgoglioso che noi qui a Rovigno e in Istria ci prendiamo costantemente cura, soprattutto dei più bisognosi, elevando gli standard in ogni segmento della vita e del lavoro», ha sottolineato il sindaco. A ricordare il personaggio e l’opera del grande benefattore di Rovigno il cui nome la Casa di riposo porta con orgoglio, è stato il vice presidente vicario, Fabrizio Radin.

La cerimonia è stata aperta da una brillante interpretazione dell’inno da parte di due giovani talentuosi musicisti, Eleonora Dobrović e Luka Brgić, mentre la cerimonia è stata esaltata dall’esibizione del coro Oldtimeri da parte degli utenti della Casa di riposo, i quali hanno eseguito diverse canzoni.

Va ricordato che il 25 maggio 2016 è stato firmato l’accordo di cofinanziamento dell’amliamento della Casa di riposo tra la Città di Rovinj-Rovigno, la Regione Istriana e la Casa di riposo, con i fondi assicurati nella misura del 50% dalla Città e del 50% dalla Regione.

La superficie netta totale dell’edificio completato è di 2.070,16 m2.

Il valore del progetto è di 32.369.000,00 kune e comprende i lavori di costruzione, l’acquisto delle attrezzature e i servizi di supervisione.