Accessibility icon
02.03.2021

Il progetto del frangiflutti settentrionale S. Caterina è stato candidato per i fondi dell’UE

Mentre la costruzione del Porto settentrionale di San Pelagio procede secondo i ritmi previsti, l’Autorità Portuale Rovinj-Rovigno nel frattempo sta sviluppando un altro progetto di importanza strategica. Si tratta della costruzione del frangiflutti settentrionale dell’isola di Santa Caterina, un progetto che l’Autorità Portuale ha recentemente presentato alla Regione Istriana al fine di candidarlo per l’assegnazione dei Fondi strutturali e d’investimento europei.

Il porto meridionale è a rischio principalmente a causa dei forti venti del III e IV quadrante, mentre le preesistenti strutture marittime del porto meridionale non forniscono una protezione sufficiente alle navi al suo interno. Pertanto, al fine di proteggere il porto cittadino dalle ondate esterne e dalla crescente frequenza delle onde di marea causate dai cambiamenti climatici, si prevede di costruire 2 frangiflutti sull’isola di S. Caterina.

Il frangiflutti settentrionale, della lunghezza di 152 m, sarà il primo ad essere costruito e si sovrapporrà al Molo grande, fornendo così un attracco sicuro alle navi di linea internazionali e nazionali e alle imbarcazioni della popolazione locale.

Dopo la realizzazione del frangiflutti settentrionale, è prevista la realizzazione del frangiflutti meridionale della lunghezza di 183 m circa, che si sovrapporrà al frangiflutti della marina ACI chiudendo così l’entrata diretta delle onde distruttive da sudovest, nordovest e ovest; grazie al quale si consentirà un attracco sicuro alle navi di linea internazionali e nazionali e alle imbarcazioni della popolazione locale. In questo modo, quindi, oltre a proteggere il porto cittadino dalle mareggiate, verrà risolto l’annoso problema dell’insufficiente numero di posti barca nella nostra città.

Su entrambi i frangiflutti è prevista l’illuminazione e una rete di idranti, mentre non sarà previsto l’ormeggio delle navi sul frangiflutti stesso, quindi quest’ultimo non sarà dotato di attrezzature di ormeggio per le navi. Il frangiflutti è progettato come un “molo”, con una guardia costiera in pietra – un guscio all’esterno e con un muro costiero verticale in cemento verso l’interno, mentre sulla punta del frangiflutti settentrionale è previsto il posizionamento di un faro.

Finora per questo progetto è stato ottenuto il permesso di costruire ed è stato preparato il progetto principale. Il valore stimato della costruzione di entrambi i frangiflutti è di 8.667.286 euro.