Accessibility icon
17.11.2017

PRESENTATO IL SECONDO VOLUME DELLA MONOGRAFIA SU MONCODOGNO

Il Museo archeologico dell’Istria di Pola, in collaborazione con il Museo archeologico di Zagabria, il Museo della Città di Rovigno e l’Università popolare aperta, ha presentato giovedì 16 novembre al Centro multimediale il secondo tomo della monografia su Moncodogno  – il più grande e importante sito archeologico in Istria. Alla presentazione hanno preso parte numerosi esperti i quali hanno dato nel corso degli anni un notevole contributo alla ricerca dell’insediamento, situato a 5 chilometri da Rovigno. Tra questi, Kristina Mihovilić dal Museo archeologico dell’Istria, Biba Teržan dell’Università di Lubiana, Darko Komšo, direttore del Museo Archeologico di Pola e Damir Matosevic, archeologo presso il Museo della Città di Rovigno.

Gli scavi a Monkodonja sono iniziati nel lontano 1953, sotto la guida dell’eminente archeologo Boris Bačić e sono continuati nel 1997 sotto la guida dell’esperto mondiale, il dott. Bernhard Hansel, scomparso nell’aprile di quest’anno.  A ricordarlo è stato Darko Komšo, sottolineando il grande contributo del dott. Hansel, il quale ha pubblicato, tra l’altro, il primo libro in lingua tedesca e croata nel 2015, intitolato «Moncodogno – Ricerche dell’insediamento protourbano dell’età del bronzo in Istria, scavi e ritrovamenti».

Il secondo libro di questa corposa monografia è stato scritto dalla giovane archeologa tedesca Anja Helmuth Kramberger, pubblicato quest’anno dal Museo archeologico dell’Istria nella collana Monografie e cataloghi. Il libro, stampato in tedesco e in croato, con una sintesi in italiano, è stato presentato da Sanjin Mihelić, direttore del Museo archeologico di Zagabria. È diviso in diversi gruppi tematici e contiene circa un migliaio di immagini e disegni di ceramiche ritrovate a Moncodogno. Si tratta di circa mezzo milione di frammenti di ceramiche, tra vasi, tazze e recipienti usati diverse migliaia di anni fa.