Accessibility icon
08.06.2021

Si è tenuta la Seduta costitutiva del Consiglio municipale della Città di Rovinj-Rovigno

Oggi, presso la Sala grande della Casa della cultura si è tenuta la seduta costitutiva del Consiglio municipale della Città di Rovinj-Rovigno. La seduta è stata aperta dal Capo dell’Ufficio del sindaco e del Consiglio municipale, Maria Črnac Rocco, e alla stessa hanno presenziato anche il sindaco Marko Paliaga, il quale alle elezioni appena concluse ha ottenuto la maggioranza dei voti degli elettori e il vicesindaco dalle fila degli appartenenti alla minoranza nazionale italiana, David Modrušan.

Dei 15 consiglieri eletti alle elezioni, del Consiglio municipale della Città di Rovinj-Rovigno fanno parte 9 consiglieri dalla lista dell’IDS-DDI (Emil Nimčević, Nives Giuricin, Tea Batel, Robert Mavrić, Marčelo Mohorović, Predrag Mamontov, Patrizia Malusà, Emil Radovan e Marinko Rade), 4 consiglieri dalla lista dell’SDP (Goran Subotić, Maria Blažina, Klaudio Poropat e Nijaz Burgić), un consigliere dalla lista dell’HDZ (Milan Košara) e un consigliere dalla lista dell’HSLS-HNS-SU (Tomislav Sošić).

Dopo l’elezione del presidente, del vicepresidente e del membro della Commissione per i mandati, il Capo dell’Ufficio del sindaco e del Consiglio municipale Maria Črnac Rocco ha effettuato l’appello dei consiglieri, in seguito a cui è stato stabilito che la lista dei candidati dell’IDS-DDI ha ricevuto il maggior numero di voti, quindi la seduta ha continuato ad essere presieduta da Emil Nimčević quale primo membro eletto dalla suddetta lista.

I consiglieri hanno quindi prestato giuramento, eletto i membri del Comitato per le elezioni e le nomine e la seduta è proseguita con l’elezione del presidente del Consiglio e dei due vicepresidenti. Emil Nimčević è stato eletto presidente con delibera unanime dei consiglieri, e all’unanimità sono stati confermati i vicepresidenti Patrizia Malusà e Goran Subotić.

Il neoeletto presidente del Consiglio municipale si è quindi rivolto ai presenti, ringraziandoli per la fiducia e il sostegno dimostrati.

«Essere consigliere municipale è una responsabilità enorme, ma è soprattutto un onore e una vocazione con cui vogliamo aiutare i nostri concittadini a vivere meglio. La città di Rovinj-Rovigno è diventata negli ultimi trent’anni una città moderna. Una città in cui si vive il multiculturalismo e il bilinguismo, una Città dove ogni suo cittadino si sente libero, dove si coltivano la cultura autoctona e degli usi unici, dove si vive lo sport e si migliorano continuamente la salute e l’istruzione.

L’obiettivo e l’obbligo di tutti noi è che questo Consiglio municipale sia un luogo di cultura del dialogo in cui i rappresentanti eletti, profondamente consapevoli della loro responsabilità nei confronti dei cittadini che li hanno eletti, si impegnino costantemente per migliorare la loro vita, offrire maggiori libertà, un futuro migliore, per la loro felicità e la felicità dei loro figli e nipoti.

A prescindere dalle diverse visioni ideologiche, i dibattiti non devono essere distruttivi e ostili, bensì devono essere orientati verso valori comuni. Devono essere una combinazione di conoscenza e responsabilità, fondate su basi legali e legislative.

Se vogliamo una Città che unisca gioventù e vecchiaia, che parli più lingue, una Città che viva la cultura, lo sport e l’istruzione, una Città che si sviluppi, che viva il turismo, una Città che ami le aree verdi e ordinate, che ami i suoi mari e le sue isole, dove le persone vivono in sicurezza e pace, dovremo lavorare, cari consiglieri, in spirito di fiducia e reciprocità, per costruire una Rovinj-Rovigno ancora migliore.» ha concluso Nimčević.