Accessibility icon
08.04.2020

Celebrato l’anniversario dalla scomparsa di Stjepan Herbut

Stamattina, con l’accensione dei lumi sul cimitero cittadino, nell’anniversario dalla sua scomparsa, è stato reso onore al difensore croato Stjepan Herbut. Per la prima volta in assoluto, non era possibile rendergli onore in presenza di un maggior numero di persone: familiari, amici, rappresentanti delle associazioni di combattenti e autorità cittadine. Ciò non può se non lasciare una sensazione di vuoto, ma in seguito all’epidemia da coronavirus COVID-19 e il divieto dei raduni pubblici, era necessario rendergli onore in forma discreta.

Stjepan Herbut è nato nel 1959 a Vukovar. Si è incluso nella difesa della città sin dal principio dell’aggressione. In seguito alla caduta della città degli eroi, è stato fatto prigioniero e portato nei lager di Stajićevo, Sremska Mitrovica e Novi Sad. Fu scambiato nel gennaio del 1992. Rilasciato dall’ospedale, dopo essere stato messo in cura dalle conseguenze dei maltrattamenti subiti, arriva nella nostra città, dove raggiunge la moglie e il figlio.

Pur non essendo in salute, richiede l’inclusione nelle file dell’Esercito croato e, nella formazione della nona brigata a  Gospić, ha preso parte a importanti azioni come l’azione “Tempesta”. A causa delle conseguenze delle azioni di guerra e dei maltrattamenti subiti nei lager, è morto l’8 aprile 1996 ed è stato sepolto a Rovigno.

Con grande rispetto rendiamo onore alla sua memoria e al sacrificio per la libertà della Repubblica di Croazia.