Accessibility icon
19.03.2021

Parte il restauro della tomba di Giovanni Battista Basilisco

Oggi i responsabili del Dipartimento per la tutela del patrimonio culturale del Ministero della Cultura e dei Media, Višnja Bralić e Zoran Wiewegh, nonché la direttrice della Sovrintendenza ai beni culturali di Pola, Lorella Limoncin Toth e i collaboratori hanno effettuato il controllo della seconda fase dei lavori di pavimentazione del sagrato della chiesa di Sant’Eufemia.

In rappresentanza della Città di Rovinj-Rovigno vi hanno partecipato il sindaco Marko Paliaga, il vicesindaco Marino Budicin e la caposettore del Settore amministrativo per gli affari comunali e per l’edilizia Tanja Mišeta.

Si è discussa la migliore soluzione per la presentazione dell’antica tomba di Giovanni Battista Basilisco. Infatti, nel corso della seconda fase dei lavori si è verificata l’inestimabile scoperta di numerose tombe antiche e della chiesetta ipogea di San Michele Arcangelo. Per evitare che i nuovi ritrovamenti siano nuovamente sepolti e quindi nascosti agli occhi del pubblico sotto il sagrato rinnovato, la Città ha deciso di ampliare il progetto principale, consolidando e ripristinando staticamente il muro di contenimento e realizzando una struttura di accesso alla chiesetta di S. Michele Arcangelo.

Con i rappresentanti del Dipartimento per la tutela del patrimonio culturale del Ministero della Cultura si è discusso in merito alle varie possibilità di presentazione del prezioso ritrovamento dell’antica pietra tombale di Giovanni Battista Basilisco, per cui si è deciso di rimuovere la pietra sepolcrale, che sarà restaurata in quanto bene culturale di particolare interesse per la Repubblica di Croazia. Nel frattempo la superficie circostante verrà pavimentata con lo stesso materiale ed in seguito al restauro e all’analisi della pietra sepolcrale di Giovanni Battista Basilisco si passerà alla riapertura e alla ricollocazione della stessa con tanto di sondaggio archeologico e presentazione.

I lavori sono eseguiti dall’impresa edile «GP Krk s.r.l.» di Veglia, mentre la supervisione professionale è stata affidata alla ditta «Pontifex» s.r.l. di Pola. Il costo della seconda fase dei lavori è di 2.525.737 kn IVA inclusa, mentre le spese della supervisione professionale ammontano a 69.000 kn IVA esclusa. A occuparsi delle ricerche archeologiche e dello controllo è l’Istituto nazionale di restauro di Zagabria, per un valore totale delle ricerche archeologiche di 177.200,00 kn.

Una volta conclusa la seconda fase dei lavori, è prevista l’installazione di una nuova illuminazione esterna della facciata della chiesa e del campanile, con lampadine Led a risparmio energetico di colore neutro.

L’intera area progettuale comprende una superficie di circa 0,5 ha e il valore totale dell’investimento è di 7.500.000 kune. Questo è solo l’ennesimo dei numerosi progetti con i quali si vuole tutelare e valorizzare i luoghi di maggiore interesse del nucleo storico cittadino.