Accessibility icon
10.02.2021

L’APN ripete la gara d’appalto per la costruzione degli appartamenti POS a Rovinj-Rovigno

L’Agenzia per le transazioni legali e l’intermediazione immobiliare (APN) ripeterà la gara d’appalto per la costruzione di due edifici condominiali nella Città di Rovinj-Rovigno.

Nel corso dell’ultima gara d’appalto sono pervenute solo tre offerte, le quali superavano di gran lunga il valore stimato dell’appalto; quest’ultimo ammontava a 14 milioni di kune, e l’offerta più vantaggiosa superava tale importo di 10 milioni di kune!

«25 milioni di kune per la costruzione di 28 appartamenti sono davvero un prezzo troppo alto. – ha affermato il sindaco Marko Paliaga – Mentre noi cerchiamo di costruire appartamenti al di sotto del prezzo di mercato per facilitare ai nostri cittadini l’acquisto di altri immobili, d’altra parte per la costruzione degli stessi gli appaltatori ci offrono un prezzo che potrebbe essere applicato alla costruzione di appartamenti di lusso. Questo farebbe sicuramente guadagnare bene all’appaltatore, ma non i cittadini di Rovigno, che sono comunque la nostra priorità. Non possiamo permettere, né accettare che i nostri cittadini, soprattutto quelli che sono già entrati nella lista dei potenziali acquirenti dei futuri appartamenti POS, paghino la differenza di prezzo e che il prezzo al metro quadro che dovranno pagare superi l’importo di 1.300 euro».

Il sindaco è fermo nella sua posizione sul fatto che non accetterà che qualcuno guadagni a scapito dei cittadini di Rovigno, e ha aggiunto che è particolarmente deluso dato che questa non è la prima volta che si presenta un caso del genere e che in alcune città limitrofe i lavori sono stati messi in stand by proprio a causa delle offerte troppo alte degli appaltatori.

In due occasioni l’Agenzia per le transazioni legali e l’intermediazione immobiliare ha bandito gare d’appalto per la costruzione di 30 appartamenti POS a Parenzo, ed entrambe le volte le offerte ricevute sono state di gran lunga più costose dei costi stimati. Solo alla terza gara d’appalto, la città di Zaravecchia (Biograd na Moru) ha trovato una società disposta a costruire 36 appartamenti per 10,5 milioni di kune, purtroppo la stessa è stata chiusa in seguito alla morte del proprietario prima del completamento dei lavori e sappiamo che il progetto è ancora in sospeso perché le altre offerte sono troppo alte. Pochi anni fa a Umago un appaltatore ha chiesto 21 milioni di kune per la costruzione di 50 appartamenti, mentre a Zara sono state costruite ben 100 unità abitative per circa 50 milioni.

«Queste sono le prove che è possibile costruire a prezzi di costruzione stimati. Con questa pratica di prezzi irrealistici, che di certo non garantiscono assolutamente nessun risparmio, non si può più parlare di edilizia agevolata. Per me è semplicemente incomprensibile come imprenditori stiano cercando di guadagnare a scapito delle giovani famiglie che faticano ad arrivare a fine mese», ha dichiarato il sindaco Paliaga.

«Quello che sta accadendo è in realtà una discriminazione per quanto riguarda il territorio, dato che i prezzi nelle località costiere attraenti sembrano ‘gonfiarsi’, sebbene sappiamo tutti che il valore degli appalti è lo stesso ovunque», ha aggiunto Paliaga, esprimendo fiducia nella ricerca di un appaltatore che costruirà appartamenti a prezzi razionali sebbene tale circostanza ritarderà la finalizzazione del progetto.

È importante sottolineare che la Città, da parte sua, ha adempiuto a tutti gli obblighi previsti dal progetto per i quali è stato recentemente ottenuto il permesso di costruire. Tra pochi giorni la gara d’appalto verrà ripetuta e ci aspettiamo offerte decisamente migliori.