Accessibility icon
12.03.2020

Comunicato del Comando per la protezione civile della Città di Rovinj-Rovigno

Dopo la diffusione in città di chiacchiere e petegolezzi che nell’albergo Angelo d’Oro soggiornano ospiti che hanno infettato i dipendenti dell’hotel con il virus COVID-19, dall’albergo Angelo d’Oro ci è stata inviata una comunicazione con la quale dall’albergo rendono noto che la struttura è chiusa dal 1.mo gennaio di quest’anno. Dalla data di chiusura ad oggi, nessuno ha soggiornato nell’albergo.

«Dalla comparsa del coronavirus abbiamo fatto tutto in base alle direttive e ai consigli dell’Istituto della sanità pubblica, inclusa la misurazione della febbre a tutti i dipendenti quotidianamente, come anche dei lavoratori che entrano nella nostra struttura», hanno dichiarato dall’albergo. Di ciò si è convinto anche il poliziotto che è venuto a ispezionare la struttura.

«In questo momento nessuno dei nostri dipendenti ha la febbre e nemmeno altri sintomi della malattia causata da coronavirus – rendono noto dall’albergo Angelo d’Oro –. Uno degli esecutori  esterni dei lavori che ieri aveva la febbre è stato messo in isolamento. Subito, è stato contattato l’Istituto per la salute pubblica che ha dato disposizioni di mettere la persona in autoisolamento e di informarli se i sintomi dovessero peggiorare, il che al momento non è avvenuto».

Lanciamo un appello a tutti i cittadini a non diffondere informazioni false e non confermate perché in questo modo contribuiscono a diffondere panico e paura tra i cittadini, cosa che in questo èmomento non aiuta, bensì peggiora una situazione che già di per sé è molto difficile. Invitiamo tutti i cittadini a seguire le pagine ufficiali della Città di Rovinj-Rovigno.

Ad oggi nessuna persona di Rovigno è stata inviata a sottoporsi al test.

Tutte le informazioni ufficiali e la situazione attuale inerente in virus COVID-19 sono disponibili sulle pagine web e Faceook ufficiali della Città di Rovinj-Rovigno. š

 

Il capo del Comando della protezione civile

Evilijano Gašpić