Accessibility icon
11.06.2021

Il sindaco Marko Paliaga si rivolge al ministro Fuchs: «Non ha senso abolire i programmi delle scuole medie superiori senza un’analisi seria della situazione sul mercato del lavoro a livello regionale»

Quest’anno, senza alcuna motivazione valida, la Scuola di formazione professionale “Eugen Kumičić” di Rovigno ha ricevuto il rifiuto dal Ministero della scienza e dell’istruzione in merito alla proposta di istituire nuove sezioni di classe nel programma di istruzione triennale in combinazione doppia per la professione di meccanico e idraulico e la nuova sezione di classe di elettricista ed elettromeccanico.

Oltre al fatto che gli alunni di Rovigno sono stati così privati ​​dei programmi professionali per i quali c’è una grande richiesta sul mercato del lavoro nella Regione Istriana e nella Città di Rovinj-Rovigno, da quest’anno gli alunni non potranno nemmeno iscrivere l’indirizzo economico. Infatti, ai sensi della delibera del Ministero, tale indirizzo è stato abolito presso la Scuola media superiore “Zvane Črnja”.

Il sindaco Marko Paliaga ha reagito alla situazione chiedendo al Ministero della scienza e dell’istruzione di riconsiderare le delibere che negano agli alunni rovignesi la possibilità di iscriversi ad indirizzi e programmi che garantiscano loro maggiori opportunità di lavoro nella propria città e Regione.

La scuola di formazione professionale “Eugen Kumičić” ha proposto l’istituzione di due sezioni di classe in un programma di istruzione triennale in due combinazioni doppie per le professioni di meccanico e idraulico nonché elettricista ed elettromeccanico. E la situazione è ancora più assurda se si considera il fatto che mentre il Ministero della scienza e dell’istruzione non approva l’istituzione di programmi per elettromeccanici ed elettricisti, il Ministero dell’economia e dello sviluppo sostenibile supporta ed eroga borse di studio proprio agli alunni delle scuole medie superiori che si formano ad occupazioni deficitarie nell’ambito del Progetto “Borse di studio per gli alunni che si abilitano ai mestieri”.

«Riteniamo che l’incoerenza e contraddizione delle politiche attuate dai dipartimenti governativi non trasmettano un buon messaggio all’opinione pubblica e crediamo che il Ministero dell’istruzione debba sostenere l’intenzione di incoraggiare i giovani a scegliere mestieri deficitari del Ministero dell’economia e dello sviluppo sostenibile nonché delle unità dell’autogoverno locale e territoriale in un modo che consenta l’introduzione di tali programmi educativi. In caso contrario, gli alunni sono costretti ad optare per occupazioni in eccedenza e di conseguenza vanno incontro al problema nel trovare un impiego», ha affermato il sindaco Marko Paliaga rivolgendosi al Ministro Radovan Fuchs.

Il sindaco di Rovinj-Rovigno ha anche segnalato che la mancanza di offerta per quanto riguarda i programmi professionali può solo contribuire alla creazione di ulteriore stress per gli alunni che saranno costretti a rinunciare all’indirizzo di studio desiderato o esporranno genitori e familiari ai costi aggiuntivi necessari per iscriversi in un’altra città. «Credo che tali decisioni dovrebbero essere prese dopo una seria analisi della situazione a livello regionale in termini di programmi di scuola media superiore disponibili e necessari, un’analisi che fornirebbe una risposta alla giustificazione o meno dell’attuazione di determinati programmi, come evidenziato dalle Raccomandazioni per la politica di iscrizione scolastica e la politica delle borse di studio; pubblicazioni dell’Istituto Croato per il Collocamento al Lavoro. Sul territorio della Regione Istriana, solo la scuola di Rovigno offre programmi d’istruzione per i mestieri correlati alle professioni di elettromeccanico ed elettricista, e chiudere tali professioni sarebbe disastroso per l’intera Regione», ha spiegato Paliaga.

Va sottolineato anche come questo indirizzo di studio conta notevoli successi, e che quest’anno proprio gli economisti della Scuola media superiore “Zvane Črnja”, in qualità di vincitori delle Olimpiadi economiche croate, rappresenteranno la Repubblica di Croazia all’edizione internazionale della competizione Internacional Economics Olympiad in Lettonia.

È prevedibile che, considerando la delibera del Ministero, un determinato numero di alunni deciderà di iscriversi in scuole medie superiori fuori dalla città di Rovinj-Rovigno, il che potrebbe purtroppo portare a una potenziale riduzione del numero di alunni nelle nostre scuole medie superiori.