Accessibility icon
30.04.2021

La Città di Rovinj-Rovigno ha celebrato il 76° anniversario della liberazione della città

Oggi celebriamo il 76° anniversario della liberazione della nostra Città. La giornata in cui Rovigno e il suo circondario ricorda i suoi due eroi popolari Pino Budicin e Matteo Benussi Cio, ma anche tutti i combattenti antifascisti che durante la Seconda guerra mondiale hanno sacrificato le loro vite per la libertà e un domani migliore. Questa è una data solenne ed importante per Rovigno e per il suo circondario, ma anche per tutte le città e località istriane vicine, in quanto la maggior parte di esse è stata liberata dall’ideologia e dal terrore fascista proprio questo periodo.

Date le circostanze, l’atto solenne di posa della ghirlanda di fiori sul monumento dedicato ai caduti quest’anno è stato compiuto con un numero limitato di ospiti al fine di rispettare le misure prescritte dal Comando regionale e nazionale della protezione civile. In mattinata, il sindaco Marko Paliaga, il presidente del Consiglio municipale Valerio Drandić e il presidente dell’Associazione dei Combattenti Antifascisti di Rovigno Branko Oplanić hanno posto la ghirlanda, mentre alla celebrazione hanno assistito i rappresentanti della vita pubblica e politica della Città.

 

In seguito, riportiamo per intero il discorso del sindaco Marko Paliaga:

«Poštovane sugrađanke, poštovani sugrađani

Zadovoljstvo mi je i čast sve vas pozdraviti u povodu 76. obljetnice oslobođenja našeg grada.  Ovi su dani već tradicionalno dani sjećanja i slave ne samo za Rovinj i susjedne nam gradove i općine već i šire.  Već desetljećima sve europske zemlje devetog svibnja obilježavaju Dan pobjede nad fašizmom – jednim od najvećih ideoloških zala dvadesetog stoljeća.

Signore e signori,

Anche oggi, dopo settantasei anni, siamo fieri del grande e insostituibile contributo dato dai nostri combattenti all’antifascismo, alla sua grande vittoria nella seconda guerra mondiale, che tra giorni verrà festeggiata in tutta l’Europa. È un’eredità storica assoluta, un’eredità che ancor oggi vincola tutti noi e che, ci sembra giusto e doveroso ripeterlo, deve essere insegnamento anche per le generazioni future. Gli interessi comuni hanno vinto le differenze nazionali e tutte le altre, avendo come obiettivo la dignità umana, il diritto alla vita e alla libertà, la pace, la libertà e un futuro migliore. Gli interessi comuni, indirizzati al bene dei cittadini e della stessa città, hanno dato un contributo alla vita urbana di qualità che desideriamo e dobbiamo salvaguardare. Il passato ci impone di essere responsabile sia verso se stessi che verso gli altri, nonché nei confronti del nostro patrimonio materiale e immateriale. Va difesa e rispettata la convivenza e vanno tenuti in massima considerazione coloro che ci hanno permesso una simile esistenza ed ai quali oggi abbiamo reso onore.

 

Poštovane sugrađanke, poštovani sugrađani

Simboličnim činom polaganja vijenca ne pokazujemo samo svoju zahvalnost, već dokazujemo da je njihov doprinos nadživio i preživio poslijeratna desetljeća i nevolje i ta je povijesna baština izuzetno vrijedna. Nastavimo težiti ka unaprjeđenju dobrih odnosa sa svojim susjedima, unapređenju svog odnosa prema prirodi i okolišu, unapređenju svog odnosa prema kulturnoj i povijesnoj baštini, kako bismo mirna srca mogli reći da činimo dobro ne samo radi sebe već radi opće dobrobiti i da živimo suživot u punom smislu riječi.

Upravo zato, poštovani sugrađani, u prigodi obilježavanja ovog, za Rovinj svečanog Dana, dužnost nam je iskazati zahvalnost i svima koji su sudjelovali u stvaranju i u izgradnji Republike Hrvatske, u njezinoj obrani i oslobađanju.  Svima njima dugujemo veliku zahvalnost i duboko poštovanje jer ostali su vjerni tradiciji iskrenih domoljuba neovisno o tome kada i protiv kojega neprijatelja je trebalo braniti slobodu, čast i dostojanstvo svoje zemlje.

 

Poštovane sugrađanke, poštovani sugrađani

Uz poziv da naše misli budu usmjerene ka odvažnosti i hrabrosti naših predaka koji su stali u obranu civilnih i civiliziranih vrlina čovjeka i naroda, zatvaram ovu komemorativnu svečanost. Zahvaljujem na pažnji i želim vam svako dobro. Vi auguro ogni bene».