Accessibility icon
11.09.2021

Quarto pellegrinaggio subacqueo alla replica della statua di Sant’Eufemia

In occasione dell’imminente festa di Sant’Eufemia e della giornata della città di Rovigno, questa mattina una novantina di subacquei, guidati dal Club delle attività subacquee Rovinj-Rovigno, hanno partecipato al quarto pellegrinaggio subacqueo alla replica della statua della santa patrona.

La statua in bronzo, opera dello scultore rovignese Andrija Milovan, è stata collocata sul fondale nei pressi dell’isolotto di Bagnole ad una profondità di 16 metri, dove l’anno successivo è stata collocata una placchetta informativa recante le informazioni di base riguardanti la replica. Il sito d’immersone è adatto a tutte le categorie di subacquei, e con le sue tre grotte e la ricca flora e fauna, lo rende un’immancabile attrazione subacquea.

Quest’anno non ha fatto eccezione quando si tratta dell’interesse dei subacquei per questo evento. Numerosi club istriani, ma anche ospiti, aderiscono tradizionalmente al pellegrinaggio subacqueo, e quindi anche quest’anno hanno partecipato una quindicina di club istriani, nonché di Duga Resa e Costrena (Kostrena).

Su un totale di cento partecipanti, circa novanta si sono tuffati questo sabato vicino a Bagnole, e affinché i subacquei sapessero cosa aspettarsi durante le immersioni, l’evento è iniziato la mattina presto con un “briefing” durante il quale il presidente del KPA-CAS Rovinj-Rovigno, Davide Brattoni, ha fornito qualche informazione aggiuntiva in merito alla patrona della città di Rovigno, così come alla replica della statua, creata come contributo alla città di Rovigno.

“Siamo molto soddisfatti della numerosa partecipazione. Anche il tempo è stato molto magnanimo con noi, il mare era calmo, senza correnti né onde, quindi l’immersione si è svolta senza intoppi nonostante il gran numero di persone”, ha affermato Brattoni.

Gli sponsor di questo evento sono l’Ente per il Turismo della Città di Rovigno, nonché i ristoranti “Pineta”, “Dario”, “Orca”, “Ocean Prime”, “Da Piero” e “Brancin”.