Accessibility icon
10.05.2017

Festival olimpionico degli asili del rovignese

«ANCH´IO SARÒ UN OLIMPIONICO»

Sotto il motto «Anch´io sarò un olimpionico» allo stadio Valbruna si sono riuniti martedì 9 maggio centinaia di bambini degli asili di Rovigno, Villa di Rovigno, Valle e Canfanaro. Accompagnati dalle loro maestre d´asilo, i piccoli sportivi hanno mostrato un grande entusiasmo motivato dalla grande voglia di divertirsi, socializzare e cimentarsi in varie discipline alla tradizionale Olimpiade degli asili. Ad occupare gli spalti sono stati genitori e parenti, intenti a tifare i bambini che hanno sfilato nelle loro colorite divise, assieme alle majorettes e alla Banda d´ottoni di Rovigno. L´inaugurazione ha visto anche la consegna delle bandiere olimpiche ai migliori sportivi rovignesi: Nika Brajković e Bojan Mišković. Ai presenti si è rivolto con saluti e ringraziamenti Aldo Krelja, a nome dell’organizzatore, il Comitato olimpico nazionale.
Le squadre hanno concorso nelle discipline del salto in lungo, della corsa sui 50 metri, del lancio della pallina, della staffetta e nel torneo di calcetto.
La disciplina del salto in lungo nella categoria delle bambine è stata vinta da Anja Ban («Iskrice»), mentre tra i i maschietti ha vinto Filip Petrović («Šajete»). I migliori nella corsa a 50 metri sono stati Jakov Dujmović («Iskrice») e Sara Marć («Šajete»). Nel lancio della pallina hanno trionfato Antonio Laginja («Naridola») ed Ema Čupić («Sportaši»). La staffetta maschile ha visto piazzarsi al primo posto la squadra «Šajete» (formata da  Yvan Lukas Runquist, Matej Šimun Meden, Patrik Poropat e Filip Trošt), quella femminile è stata invece vinta dalla squadra «Tigrići» (composta da Nikol Matošević, Marlen Galant, Nikol Pinezić e Emily Briškoski). Vincitori del torneo di calcetto la squadra dei «Sportaši» e la squadra «Šajete» per le femminucce.
Il titolo del vincitore assoluto della Mini olimpiade è stato condiviso dalle squadre «Naridola» e «Iskrice», mentre il trofeo per il fair play è stato assegnato alla squadra «Tigrići».