12.05.2019

Azione ecologica. Per un fondale più pulito

Su iniziativa del Club di attività subacquee di Rovigno, sabato, si è tenuto la tradizionale azione ecologica di pulizia del fondale marino e della costa rovignese.

Quest’anno è stato ripulito lo specchio d’acqua del porto cittadino, nonché la spiaggia di Porton Biondi, grazie alla partecipazione di 150 volontari, tra i quali 80 sommozzatori che, oltre che dall’Istria, sono pervenuti da Zagabria, Karlovac, Varaždin, Koprivnica e Duga Resa. A ripulire le spiagge lungo la costa sono stati anche gli alunni della Scuola media superiore Zvane Črnja, della Scuola elementare Juraj Dobrila e della Scuola media di formazione professionale Eugen Kumičić, quindi gli esploratori rovignesi, i piccoli consiglieri del Consiglio cittadino dei bambini, mentre i rifiuti raccolti sono stati catalogati dal Centro per la ricerca marina dell’Istituto Ruđer Bošković.

Sono stati raccolti complessivamente 6.140 oggetti, dei quali 2.640 sul fondale, dei quali la maggior pare era costituita dal vetro, nonché altri 3.500 sulla costa, dove il 70% dei rifiuti era di plastica.

Va sottolineato che l’azione di quest’anno, in collaborazione con la Croce rossa, era anche di carattere umanitario. Con la vendita dei biglietti per il gioco della tombola e la vendita delle bibite sono state raccolte 17.505 kune per l’acquisto dell’attrezzatura ortopedica di sostegno per il giovane concittadino Neđad Kahvić, affetto da paralisi cerebrale.

La tombola ha rallegrato in particolare i sommozzatori visto il ricco montepremi. A riscaldare l’atmosfera è stata la Big Wave band.

L’azione è sostenuta dalla Città di Rovigno, dall’Ente turistico locale, dall’Autorità portuale, dall’Unità locale dei Vigili del fuoco, dal ristorante Da Piero e dal Servizio comunale.